Matera_sassiChe Matera sia bellissima e tutta da vedere è, ormai, un dato di fatto. Si tratta di una città che è riuscita a passare da vergogna d’Italia a capitale europea della cultura 2019 e questo ha sancito definitivamente il suo successo. Tuttavia, in molti si chiedono cosa c’è da vedere a Matera, oltre i sassi, e dintorni?

Cerchiamo di rispondere a questa domanda, partendo dal concetto che la Basilicata è una delle regioni che ultimamente viene riscoperta dagli stessi lucani e dai turisti. Proprio per questo motivo, si moltiplicano anche i vari itinerari alla scoperta della zona.

Addentrandosi nei sassi Barisano e Caveoso non si può prescindere dal visitare quelli che furono luoghi di vita rupestre, simbolo e testimonianza delle antiche civiltà che hanno abitato la zona già dalla preistoria. Nei sassi consigliamo di visitare, oltre al Sasso Barisano e al Sasso Caveoso, anche la Civita, la casa Grotta e le varie chiese. Nella zona del Barisano abbiamo la Chiesa di San Pietro, ma ci sono anche la chiesa del Purgatorio, la Cattedrale, la Chiesa di San Francesco d’Assisi e tanto altro ancora. Le Chiese Rupestri, poi, sono un’altra delle attrazioni imperdibili per tutti coloro che arrivano in città. Si tratta di alcune chiese che si trovano nel comprensorio dei Sassi e nel Parco della Murgia Materana. Tra le tante da visitare segnaliamo quelle di San Giovanni in Monterrone, Santa Lucia alle Malve nel Sasso Cavoso, Chiesa della Madonna dell’Idris. Inoltre, consigliamo di vedere la Chiesa di Sant’Agostino con la cappella di San Giuliano e quella di San Pietro Barisano, che si trova nel sasso omonimo. Spostandosi nella Civita, invece, consigliamo la visita alla Cattedrale e alla Chiesa della Madonna delle Virtù. Spostandosi fuori Matera, troviamo quelle che sono dislocate su tutto il territorio della Murgia Materana. Tra queste consigliamo di vedere quella di San Pietro ai 3 Ponti, quella di San Falcione e, ancora, quella della Madonna delle 3 Porte, quella di Sant’Agnese e quella di San Vito, tutte dislocate nella timpa di Murgecchia. Segnaliamo anche tutti gli spazi ipogei che si trovano lungo i crinali delle Murge e che un tempo venivano utilizzati per funzioni religiose e quant’altro. Tutte queste chiese rupestri e queste cripte sono aperte al pubblico tutti i giorni, in vari orari a seconda del periodo dell’anno e, pertanto, è necessario informarsi per tempo sui siti addetti all’informazione sugli orari di apertura e quant’altro. Si tratta di posti molto peculiari e, per chi vuole conoscere Matera e dintorni, sono imprescindibili, dato che vi si ritrovano caratteristiche che sono uniche nel loro genere. Per chi si vuole spostare fino a Montescaglioso, poi, i luoghi di questo genere aumentano, ma consigliamo comunque di visitarli. Montescaglioso, inoltre, si presenta come un centro abitato a 20 km da Matera, molto ricco di storia e cultura: visitarlo, quindi, è una bella esperienza che viene consigliata a tutti coloro che non vogliono fermarsi solo nei Sassi, ma vogliono conoscere anche tutto quello che la zona ha da offrire. Qui a Montescaglioso consigliamo di visitare l’incantevole Abbazia di San Michele Arcangelo che fa parte dei tanti monasteri che danno il nome alla città. Montescaglioso, infatti, è altresì nota come la città dei monasteri, proprio per il grande numero di architetture religiose che si possono trovare qui. Nel 2012, il paese, che conta poco più di 10 mila abitanti, è stato designato come Gioiello d’Italia e, qualche anno prima, aveva ricevuto il titolo onorifico di Città, nonostante le piccole dimensioni. Tutto questo fa capire che si tratta di una zona di inestimabile valore e, in quanto tale, va visitata e apprezzata. Non si devono perdere la chiesa Madre, intitolata ai santi Pietro e Paolo, la Chiesa di San Rosso che si trova nel centro della città, in una zona in cui vennero rinvenute anche delle tombe greche, il convento di Sant’Agostino, che risale al XIV secolo e che ospita opere di enorme valore, la Chiesa di Santa Lucia, che è in stile moderno ed è la seconda parrocchia del paese per importanza, e le tante altre chiese e chiesette che si trovano in città. Anche in zona si possono trovare le imperdibili chiese rupestri di cui abbiamo già parlato. Porte e torri sono un’altra delle caratteristiche di Montescaglioso e ci mostrano l’antica città normanna, che è rimasta quasi del tutto intatta con il tempo.

Per chi ama la natura, poi, il Parco della Murgia Materana riserva moltissime sorprese ed è assolutamente da visitare. Qui, oltre ai centri visita che sono meta di visite didattiche e non solo, si possono fare non poche escursioni, alla scoperta di un territorio florido e interessante da scoprire. All’interno, come probabilmente si è capito, c’è anche un Parco Archeologico Storico, che raggruppano tutte le chiese rupestri. Visitare il Parco della Murgia Materana è qualcosa da fare assolutamente quando si visitano Matera e i dintorni, perché è un’esperienza unica nel suo genere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *